ARKOM, amministrazioni condominiali

Gestiamo immobili per professione

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Benvenuto in Arkom

Ritenuta d'acconto ridotta al 4% per i lavori straordinari

E-mail Stampa PDF
È stata ridotta dal 10% al 4% la ritenuta d'acconto trattenuta dalle banche e dalle poste sui bonifici incassati dagli esecutori dei lavori di ristrutturazioni edilizie e per il risparmio energetico. La nuova percentuale si applica ai bonifici effettuati dal 6 luglio 2011, data di entrata in vigore della manovra (articolo 23, comma 8 del decreto legge 98/2011) e modifica la misura della trattenuta, introdotta dal 1° luglio 2010, sui pagamenti che devono obbligatoriamente essere effettuati tramite bonifico bancario o postale, al fine di consentire al committente dei lavori la detrazione del 36% sulle ristrutturazioni edilizie e del 55% sugli interventi per il risparmio energetico. La ritenuta viene applicata dalla banca.
Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Ottobre 2011 14:32
 

Crisi anche in condominio? Forse sì ma avanti con i lavori non rinviabili

E-mail Stampa PDF
 Il difficile momento economico spinge i proprietari di appartamenti a cercare di "riequilibrare" le uscite, evitando le spese non urgenti né necessarie e adottando, a tal fine, criteri di valutazione spesso soggettivi e arbitrari, quando invece è la legge a imporle. Ma ci sono voci non rinviabili.Sicuramente non lo sono le spese cosiddette di gestione e manutenzione ordinaria, riguardanti le parti e i servizi comuni: ad esempio, gli oneri per la corrente elettrica, per il combustibile da riscaldamento, per la pulizia delle scale, per i controlli periodici degli impianti finalizzati a garantirne il regolare e normale funzionamento. Per facilitare l'approvazione di tali spese – che concorrono con altre più o meno standard al bilancio preventivo e che, qualora non sostenute, porterebbero il condominio al collasso (tanto che l'articolo 1135, n. 2 del Codice civile parla di «spese occorrenti durante l'anno») – il legislatore richiede, in seconda convocazione, un quorum deliberativo più basso rispetto a quello dettato in prima convocazione: basta che la delibera venga assunta dalla maggioranza dei presenti in assemblea, rappresentante almeno un terzo dei partecipanti al condominio e almeno un terzo del valore dell'edificio (articolo 1136, comma 3, Codice civile). Per i lavori di manutenzione ordinaria delle parti comuni dell'edificio e per l'esercizio dei servizi comuni, l'amministratore non ha bisogno di interpello della assemblea poiché si tratta di atti conservativi delle parti comuni (articolo 1130, n. 3 e 4) di cui, comunque, dovrà rendicontarein sede di assemblea di fine mandato.Diversa invece è la disciplina dei lavori straordinari riguardanti interventi manutentivi, innovativi o
Ultimo aggiornamento Domenica 07 Novembre 2010 22:33 Leggi tutto...
 

Riciclerie e riciclo olio domestico usato

E-mail Stampa PDF

Un'altra interessante iniziativa in Ricicleria.
SMALTIMENTO OLIO DOMESTICO. Consegna gratuita, presso le tre riciclerie, di un pratico contenitore per la raccolta differenziata dell'olio vegetale domestico.
Le modalità di raccolta sono molto semplici: una volta riempito il bidoncino con l’olio alimentare usato questo deve essere riportato in Ricicleria e vuotato presso i contenitori di grandi dimensioni appositamente predisposti nell’area.
ATTENZIONE: è fortemente sconsigliato svuotare l'olio di frittura o cottura nelle tubazioni della cucina  o del bagno. Oltre a diventare inquinamento, sono causa di intasamento della tubatura con conseguente necessità di intervento da parte di autospurgo e quindi la necessità di sostenere costi di pulizia e manutenzione inutili.
Recarsi in Ricicleria è l’occasione ideale per poter conoscere, e quindi utilizzare, anche tutte le altre tipologie di raccolta differenziata presenti nelle tre Riciclerie di Vicenza.
Le RICICLERIE sono a disposizione di tutte le utenze domestiche per il corretto smaltimento dei rifiuti ingombranti e riciclabili, come:
vetro in lastre, contenitori ed oggetti di plastica, carta e cartoni, legno, verde, rottami ferrosi e altri metalli, mobili, libri e oggetti d'arredamento, batterie d'auto, medicinali, pile, indumenti usati, nylon, polistirolo, oli vegetali e minerali, contenitori vuoti per rifiuti tossici ed infiammabili, ... per le sole Riciclerie Nord ed Ovest è possible portare anche inerti in modesta quantità, elettrodomestici e altri beni durevoli, lampade al neon, pneumatici, cartucce per stampanti e toner.
INDIRIZZI E ORARI
Ricicleria Ovest Via delle Fornaci, 5 (laterale di via del Mercato Nuovo) tel. 0444 560507
Ricicleria Nord Via De Faveri, 7 (laterale di strada Postumia) tel. 0444 514649 
da LUNEDI' a VENERDI' dalle 14 alle 19 SABATO dalle 9 alle 18 (inverno) dalle 9 alle 19 (estate)
Ricicleria Sud Via S. Venier, 47 (laterale Riviera Berica località Longara) tel. 0444 240803
da MARTEDI' a VENERDI' dalle 14 alle 17 SABATO dalle 10 alle 17

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Febbraio 2011 15:01
 

L'amministratore e la sua professione

E-mail Stampa PDF
Generalmente, chi esercita abitualmente e professionalmente la gestione di condomini, svolge una vera e propria attività di lavoro autonomo, inquadrabile nell’esercizio di arti e  professioni. Anche una persona giuridica può essere nominata amministratore di condominio. Pertanto, l'incarico di amministratore di condominio può essere assunto indifferentemente da una persona fisica, una società di persone o da una società di capitali.
Come si nomina l’amministratore
La nomina di un amministratore di condominio è obbligatoria nel caso in cui i condòmini siano almeno cinque ed è la stessa assemblea dei condòmini che provvede direttamente alla nomina.
Leggi tutto...
 

Modifica tabelle millesimali a maggioranza.

E-mail Stampa PDF

Con la recente sentenza n. 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Corte di Cassazione si fa finalmente un po’ di chiarezza riguardo alla questione della revisione delle tabelle millesimali, per la quali la prassi e numerose sentenze succedutesi nel corso degli anni avevano ingenerato una certa confusione.

 In particolare, la questione è sempre stata tra le principali cause di liti condominiali poiché, naturalmente,  il condomino che si trovasse a dover pagare una certa quota di spese condominiali, quando un altro ha realizzato un ampliamento del proprio immobile che non risulta conteggiato nel calcolo delle tabelle oppure alcuni condomini non partecipassero a delle spese condominiali  relative a servizi di cui usufruiscono, deve solitamente rivolgersi all’autorità giudiziaria per far valere il proprio diritto, visto che la revisione delle tabelle poteva avvenire solo con l’approvazione unanime dell’assemblea.

La nuova Sentenza stabilisce, invece, che per ottenere tale revisione sia sufficiente la maggioranza, così come avviene per il Regolamento di Condominio a cui, secondo l’art. 68 del Codice Civile, le tabelle devono essere allegate.

Ultimo aggiornamento Domenica 03 Ottobre 2010 10:23
 


Pagina 2 di 5

MENU PRINCIPALE

Warning: Parameter 1 to modMainMenuHelper::buildXML() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.arkomnet.com/home/libraries/joomla/cache/handler/callback.php on line 99

IL CONDOMINIO: norme e regole

Warning: Parameter 1 to modMainMenuHelper::buildXML() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.arkomnet.com/home/libraries/joomla/cache/handler/callback.php on line 99

Siti collegati

Warning: Parameter 1 to modMainMenuHelper::buildXML() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.arkomnet.com/home/libraries/joomla/cache/handler/callback.php on line 99

ISTAT

  • Indici dei prezzi al consumo
    A Luglio NIC +0,3% su giugno +2,7% in un anno
  • Commercio estero
    A giugno il saldo complessivo è -1,8 miliardi di euro
  • La vita quotidiana
    Anno 2010
  • Stima preliminare del Pil
    Nel II trimestre 2011 +0,3% sul I trimestre 2011, +0,8% su anno
  • Indice della produzione industriale
    A giugno +0,2% su base annua
  • I gruppi di impresa in Italia
    Nel 2009 sono più di 80.000 con 5,7 milioni di addetti
  • Statistiche culturali
    Anni 2008 e 2009
  • Indici dei prezzi alla produzione dei prodotti energetici
    Giugno 2011
  • Occupati e disoccupati: stime provvisorie
    A giugno -0,1% gli occupati, -0,3% i disoccupati
  • Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali
    A giugno +0,1 % su maggio +4,3% in un anno
  • Bilancio demografico mensile
    Il bilancio demografico mensile nel periodo Gennaio-Novembre 2006

  • Comune di Vicenza: Tutte le notizie
  • Referendum per l'autonomia del Veneto, affluenza alle 12 a Vicenza
    E' in corso fino alle 23 il referendum consultivo per l'autonomia del Veneto. Nelle 112 sezioni del Comune di Vicenza fino alle 12 ha votato il 20,1% degli elettori. Per informazioni sulle modalità di voto consultare la pagina https://www.comune.vicenza.it/amministrazione/referendumregionale2017.php Per i dati delle affluenze e del successivo scrutinio consultare la pagina http://referendum2017.consiglioveneto.it/sites/index.html#!/riepilogo
  • Cronistoria della Resistenza Armata Vicentina, presentazione il 24 ottobre
    La Resistenza italiana rappresenta un evento decisivo della storia italiana del '900; per un verso ha consentito al nostro paese di inaugurare un lungo periodo di libertà, di democrazia, di pace, di benessere, dall'altro ha dimostrato come i valori posti alla base della nostra convivenza costituzionale derivino da conquiste ottenute dal popolo. Istrevi e Biblioteca Bertoliana organizzano martedì 24 ottobre alle 17 a Palazzo Cordellina la presentazione dell'undicesimo quaderno della Collana dei Quaderni della Resistenza vicentina, Cronistoria della Resistenza Armata Vicentina, 1943-1945, curato da Benito Gramola ed edito dall'Associazione Volontari della Libertà della provincia di Vicenza. Si tratta del primo di tre volumi: è dedicato alla parte ovest della provincia, che vide all’opera formazioni della Brigata Pasubio di Marozin e il Gruppo di brigate “A. Garemi”. Interverranno all'incontro, oltre al curatore Gramola, Maurizio Dal Lago, membro del Comitato direttivo di ISTREVI, e il presidente di A.V.L. Vicenza Francesco Binotto. Il titolo del volume è significativo: “Cronistoria”, non “Storia”. Come dire che anche in un ambito geografico ristretto come quello vicentino siamo ancora, a più di settant’anni di distanza, alla ricerca e alla determinazione dei “fatti”, cioè del materiale base che consente allo storico di fare Storia. L’obiettivo del presente quaderno è proprio quello di documentare i fatti e gli eventi accaduti nel vicentino nei venti mesi della lotta di liberazione: dalle formazioni partigiane - battaglioni, brigate, divisioni - e dai loro comandanti, alle battaglie, agli scontri, agli attentati, ai sabotaggi, alle stragi, agli eccidi, agli scioperi, alle fucilazioni, alle deportazioni, per dare la possibilità di leggere e interpretare i documenti su quanto avvenuto dall'8 settembre 1943 al 25 aprile 1945. La Collana dei Quaderni della Resistenza Vicentina, iniziata anni fa dall’Associazione Volontari della Libertà della provincia di Vicenza, continua con questo volume a sostenere il valore dei documenti, dei diari, delle memorie come fonti imprescindibilie per la ricerca storica.   Info Biblioteca civica Bertoliana consulenza.bertoliana@comune.vicenza 0444 578203
  • Alta velocità alta capacità, arrivato il progetto preliminare di Rfi
    “Quella di oggi è una data importante. Il progetto preliminare del passaggio dell'alta velocità alta capacità prodotto da Rfi Italferr conferma Vicenza come nodo ferroviario strategico, consente il rilancio della mobilità regionale su ferro e assegna alla città opere viarie, ciclopedonali e la nuova linea del Tpl elettrico per un valore pari a 150 milioni di euro. Una cifra impensabile per le casse comunali che, ne sono certo, servirà a migliorare radicalmente il modo di raggiungere e spostarsi in città”. Per il sindaco di Vicenza Achille Variati l'arrivo in Comune del voluminoso progetto formato da oltre 200 tavole sul passaggio cittadino dell'alta velocità alta capacità per 6,2 chilometri, dal bivio Vicenza fino a viale Risorgimento, rappresenta il giro di boa di un iter che, interrotto al Cipe nel 2006, è ripartito con vigore nel 2012 grazie al significativo impulso dato da Comune e Camera di commercio all'ipotesi della realizzazione dei nuovi binari in affiancamento alla linea storica. Si tratta di un intervento del valore complessivo oggi stimato in 805 milioni di euro, di cui 662 per i lavori, compresi i 150 destinati alla viabilità cittadina e alla nuova linea di tpl elettrica. Dopo aver ricordato i passaggi che hanno portato alla definizione di questo progetto preliminare, che considera anche le recenti raccomandazioni dell'Unesco, il sindaco ha descritto i contenuti del documento, già disponibili nella sezione “In evidenza” del sito www.comune.vicenza.it . Il progetto dettaglia, tra l'altro, il modello di esercizio ferroviario, lo studio idraulico, il tracciato, la fermata regionale e per eventi in Fiera, gli espropri di soli 21 edifici, gli studi acustico e vibrazionale, le interferenze con i sottoservizi, lo stoccaggio dei materiali di risulta, la cantierizzazione, lo studio archeologico e la riqualificazione dell'area della stazione di viale Roma. L'assessore alla progettazione e sostenibilità urbana Antonio Dalla Pozza che – come ha detto Variati - “ha seguito passo passo la definizione della progettazione preliminare curata da Rfi Italferr”, ha quindi ripercorso il tracciato, evidenziando le molte novità che saranno introdotte con l'alta velocità nella viabilità cittadina da ovest fino a est, ovvero lungo l'asse attraversato dal filobus. “Un filobus – ha precisato Dalla Pozza – che, recependo anche una delle raccomandazioni di Unesco, ha perso il filo. Infatti, in sintonia con le più avanzate tecnologie green utilizzate in Europa, esso sarà costituito da mezzi elettrici lunghi 18 metri che in 20 minuti viaggeranno in sede propria per 12 chilometri dalla stazione della Fiera fino a viale Serenissima, ricaricandosi ad ogni fermata, oltre che ai capolinea e nel deposito notturno”. L'assessore Dalla Pozza ha quindi messo in evidenza come il progetto preliminare abbia fatto proprie le raccomandazioni del consiglio comunale di risparmiare il più possibile suolo, ad esempio nell'area verde dietro San Felice, di favorire i collegamenti ciclopedonali, come nella soluzione aerea dell'attraversamento di via Maganza, per il quale è stata comunque studiata anche l'opzione del tunnel, di riqualificare l'intera area della stazione di viale Roma. “La stazione – ha detto l'assessore Dalla Pozza – è stata completamente rivista nella direzione dell'eliminazione degli attuali edifici e della valorizzazione del verde e dell’intermodalità per pedoni, biciclette, autobus e mezzi privati”. Quanto ai tempi di approvazione del progetto preliminare, Variati ha annunciato il suo passaggio in consiglio comunale entro Natale, mentre la durata dell'intero iter è stato stimato di 240 giorni. Poi toccherà alla progettazione definitiva ed esecutiva e, quindi, al via ai lavori che riguarderanno prima le opere di viabilità cittadina e dovrebbero durare circa 6 anni.   Documentazione relativa al progetto preliminare redatto da Rfi Italferr    
  • Referendum per l'autonomia del Veneto, si vota domenica 22 ottobre dalle 7 alle 23
    “Voglio ricordare ai cittadini che domenica si vota per l'autonomia del Veneto ognuno nel proprio seggio; non serve il certificato elettorale ma è necessario avere con sé un documento di identità valido, quindi non scaduto – ha precisato questa mattina il sindaco Achille Variati –. A questo proposito gli uffici Elettorale e Anagrafe del Comune rimarranno aperti e produrranno carte di identità cartacee in modo che ogni cittadino possa avere con sé il documento indispensabile per esercitare il proprio diritto di voto. Abbiamo, inoltre, predisposto, ogni possibile aiuto per i cittadini non deambulanti e con gravi difficoltà fisiche. Il Comune di Vicenza ha cercato di non fare nulla di diverso per questa consultazione popolare rispetto a quelle che si sono svolte in passato. Il voto è un diritto e, per quanto mi riguarda, quando si appartiene a una comunità è anche un dovere. Ovviamente ognuno rimane libero di fare quello che crede”. Domenica 22 ottobre, dalle 7 alle 23,in occasione del Referendum consultivo per l'autonomia del Veneto, si vota per approvare o respingere il quesito: «Vuoi che alla Regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?”. Possono votare i cittadini iscritti nelle liste elettorali dei Comuni della Regione Veneto. Per votare l'elettore dovrà presentarsi al seggio indicato nella propria tessera elettorale munito di un documento di riconoscimento valido (carta d'identità o altro documento di identificazione munito di fotografia, rilasciato da una pubblica amministrazione). All'elettore verrà rilasciata un'attestazione di avvenuta votazione vidimata con il bollo di sezione. Si vota tracciando sulla scheda con la matita un segno sulla risposta prescelta e, comunque, nel rettangolo che la contiene. Ricerca seggi on line Per trovare il seggio di appartenenza è possibile consultare il motore di ricerca sul sito internet del Comune, indicando il proprio indirizzo di residenza. È necessario inserire il nome della via (ad esempio per trovare “viale Giuseppe Verdi”, digitare “verdi”) e il numero civico, senza suffissi o barrati (ad esempio, per il civico “32bis”, digitare “32”, per “12/A” digitare “12”). Il motore di ricerca fornisce risposta certa per i cittadini che hanno effettuato un cambio di residenza o di indirizzo entro il 6 settembre di quest'anno. In tutti gli altri casi è necessario contattare l'ufficio elettorale (tel. 0444221430/29/32 o 33). Aperture straordinarie dell'ufficio Elettorale L'ufficio Elettorale sarà aperto in via straordinaria venerdì 20 e sabato 21 ottobre, dalle 8.30 alle 18, e domenica 22 ottobre, dalle 7 alle 23. Aperture straordinarie dell'ufficio Anagrafe (solo per rilascio e rinnovo della carta d'identità cartacea) Solamente per ottenere il rilascio o chiedere il rinnovo della carta di identità cartacea l'ufficio Anagrafe sarà aperto al pubblico sabato 21 e domenica 22 ottobre, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18. Voto degli elettori residenti all’estero Gli elettori residenti all’estero e regolarmente iscritti all’Aire, nonché i temporaneamente all’estero possono votare solo in Italia, nel Comune di iscrizione alle liste elettorali. L’ufficio elettorale di ogni Comune della Regione Veneto ha inviato agli elettori una cartolina avviso contenente termini e modi per la partecipazione alla consultazione referendaria.  La normativa regionale non prevede alcuna agevolazione di viaggio per recarsi in Italia. Voto assistito Gli elettori con gravi difficoltà fisiche nell'esprimere il voto (impedimenti, riferiti alla capacità visiva e/o a quella di movimento degli arti superiori, tali da non consentire di votare autonomamente) possono chiedere di essere accompagnati all'interno della cabina da un altro elettore. Pertanto l’elettore, al fine di attestare il diritto al voto assistito può esibire al presidente di seggio la tessera elettorale riportante l’apposito timbro dell'ufficio Elettorale o altra documentazione rilasciata da un’amministrazione pubblica che attesti la necessità per l’elettore all’ammissione al voto assistito. Voto non deambulanti Il Comune di Vicenza mette a disposizione dei cittadini con difficoltà di deambulazione un servizio gratuito di trasporto ai seggi con un minibus dotato di piattaforma elevatrice, un'autovettura e un'ambulanza. Per usufruire del servizio, che andava prenotato telefonicamente nei giorni scorsi, domenica 22 ottobre sarà necessario essere in possesso, oltre che di un documento di identità valido, anche della certificazione medica che attesta le difficoltà di deambulazione, da presentare all'autista. I richiedenti che riescono a muoversi autonomamente devono farsi trovare pronti in strada, con l'eventuale accompagnatore. Chi è impossibilitato ad alzarsi dal letto potrà aspettare gli addetti al trasporto nella propria abitazione. È possibile chiedere la presenza di un accompagnatore. Durante la giornata del Referendum, il personale addetto all'assistenza del settore Servizi sociali del Comune sarà a disposizione degli elettori non deambulanti per accompagnarli a ritirare il certificato medico e la tessera elettorale in caso di smarrimento (0444 222517). Accesso ai seggi privi di barriere architettoniche per gli elettori non deambulanti Possono accedere ai seggi privi di barriere architettoniche, anche se diversi dalla propria sezione di appartenenza, gli elettori non deambulanti in possesso di un'attestazione medica rilasciata dall'azienda Ulss n. 8 Berica – Distretto Est anche in precedenza per altri scopi oppure di una copia autentica della patente di guida, purché dalla stessa risulti l'impossibilità o la capacità gravemente ridotta alla deambulazione, oppure dell'attestato di ammissione al voto dell'ufficio Elettorale, se si intende accedere a un seggio diverso da quello di appartenenza e di propria iscrizione elettorale. Per il rilascio della certificazione medica gli interessati devono rivolgersi all'ambulatorio di medicina pubblica di via Albinoni (lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 12, mercoledì dalle 14.30 alle 17). È opportuna, ma non necessaria, la prenotazione tramite CUP al numero verde 800 064 960. Per l'utenza di tutta l'Ulss n. 8 Berica è, inoltre, prevista un'apertura straordinaria del Servizio di igiene e sanità pubblica di via IV Novembre 46 sabato 21 ottobre dalle 9 alle 10. Domenica 22 ottobre, solo in caso di necessità straordinaria, sarà reperibile un medico telefonando al Suem allo 0444 752420. Seggi privi di barriere architettoniche Circoscrizione 1: Sezione 52 - scuola primaria Zanella, contra' San Domenico 46, Sezione 77 - scuola secondaria di primo grado Maffei, contra' Santa Caterina 11; Circoscrizione 2: Sezione 72 - scuola secondaria di primo grado Scamozzi, via Einaudi 74 – Longara, Sezione 92 - scuola secondaria di primo grado Maffei, contra' Santa Caterina 11; Circoscrizione 3: Sezione 44 - scuola secondaria di primo grado Barolini, via Palemone 20; Sezione 64 - scuola primaria Lioy, viale della Pace 197. Circoscrizione 4: Sezione 30 - scuola primaria Zanella, contra' Porta Padova 63; Sezione 34 - scuola primaria Riello, via Massaria 70. Circoscrizione 5: Sezione 78 - scuola primaria Laghetto, via Lago di Pusiano 1; Sezione 32 – istituto professionale Lampertico (succursale), strada Sant'Antonino 32; Circoscrizione 6: Sezione 80 - scuola primaria Zecchetto, via Corelli 12, Sezione 86 – azienda Ulss n. 8 Berica – Distretto Est, corso Santi Felice e Fortunato 227; Circoscrizione 7: Sezione 88 - ex scuola elementare Loschi, via Rismondo 2, Sezione 90 - ex scuola elementare Loschi, via Rismondo 2. Voto categorie speciali di elettori in sezione diversa da quella di appartenenza La Regione del Veneto ha individuato la procedura per l’ammissione al voto di coloro che si trovano nella condizione di poter esprimere il proprio voto in sezione diversa da quella della propria iscrizione elettorale. Per questa procedura sono ammesse al voto le seguenti categorie: componenti dell’ufficio di sezione (art. 48 DPR 361/1957), rappresentanti dei gruppi o partiti politici presenti in Consiglio regionale delegati ad assistere alle operazioni del seggio che siano iscritti nelle liste elettorali del Veneto (art. 48 DPR 361/1957), ufficiali e agenti della forza pubblica iscritti nelle liste elettorali del Veneto in servizio nella sezione (art. 48 DPR 361/1957), militari delle Forze armate, appartenenti a Corpi militarmente organizzati per il servizio dello Stato, alle Forze di Polizia, al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco iscritti nelle liste elettorali del Veneto (art. 49 DPR 361/1957), naviganti (aviatori o marittimi) iscritti nelle liste elettorali del Veneto fuori residenza per motivi di imbarco (art. 50 DPR 361/1957). Entro le 18 di venerdì 20 ottobre gli elettori appartenenti alle categorie indicate, qualora intendano votare in una sezione diversa da quella di iscrizione, devono presentare all’Ufficio elettorale del Comune di Vicenza apposita dichiarazione e chiedere l’autorizzazione per votare in una sezione diversa da quella di iscrizione. L’autorizzazione va esibita, unitamente al proprio documento di identità, al Presidente del seggio che annota i nominativi degli ammessi in calce alla lista sezionale. Informazioni Per ulteriori informazioni e per conoscere i risultati in tempo reale domenica 22 ottobre è possibile consultare la sezione sul sito del Comune dedicata al Referendum consultivo per l'autonomia del Veneto e il sito della Regione Veneto (http://www.regione.veneto.it/web/referendum-autonomia-veneto/).
  • Stadio, lunedì 23 ottobre dalle 18.30 circolazione vietata in via Bassano e Spalato
    In occasione della partita Vicenza – Triestina, in programma lunedì 23 ottobre alle 20.30, su richiesta della questura, competente per l'ordine pubblico, in aggiunta alle limitazioni del traffico che coinvolgono le vie circostanti lo Stadio Menti previste in via ordinaria quando gioca in casa il Vicenza Calcio è disposta anche la chiusura di via Bassano e via Spalato, per un periodo di tempo di circa due ore prima dell'inizio della competizione sportiva, quindi dalle 18.30. L'accesso alle due strade, oltre che a quelle chiuse in via ordinaria, sarà sempre garantito ai residenti ed esercenti. L'accesso al parcheggio d'interscambio di via Bassano dovrà avvenire, in questa occasione, unicamente dal lato di via dello Stadio, utilizzando il sottopasso ferroviario, con provenienza viale della Pace, via Vittime civili di guerra, via Martiri delle Foibe. Dalle 16.30 viene istituito il divieto di sosta con rimozione forzata anche in via Bassano, in via Trissino, nel tratto tra via Bassano e via Spalato, e in via Spalato. Il divieto di circolare in via Bassano e via Spalato, che rappresenta un rafforzamento delle abituali chiusure introdotte durante le partite del Vicenza Calcio (tra cui quelle di viale Trissino, nel tratto davanti al Menti, e di via dello Stadio), viene proposto solo in occasione delle gare ritenute più delicate dalla questura sotto il profilo dell'ordine pubblico. Inoltre su ordine della questura, in occasione della partita di calcio Vicenza - Triestina, il Comune di Vicenza ha disposto un'ordinanza di divieto di somministrazione e vendita di bevande da asporto in contenitori di vetro e lattine nella zona dello stadio, a partire dalle 17.30 fino al termine della competizione sportiva. La zona in cui vige il divieto è delimitata da viale Trissino, via Bassano, viale dello Stadio, viale Margherita e via Arzignano. L'ordinanza riguarda tutti gli esercizi pubblici, i venditori ambulanti e le attività commerciali e artigianali presenti nell'area indicata. La sanzione prevista per chi non rispetta il divieto può raggiungere i 500 euro. Ordinanza
  • Il Giornale di Vicenza

  • Un Lungobrenta Hemingway progettato dagli studenti
    Gli studenti delle scuole superiori ed il  Comune al lavoro insieme  «Approfittiamo dei lavori sul Ponte per cambiare volto alla zona»
  • Cedimento della fognatura E la strada frana due volte
    Chiuso con l'asfalto ma si è ricreato il giorno dopo  Il Comune: «Problema imputabile allo spostamento di tubature sottostanti. Interverrà Acque Vicentine»
  • Tributo ai Pink Floyd con Big One a Marostica
  • Pastorelli e il Vicenza: "Presto sarò presidente"
  • Menu trilingue a Vicenza Ma l’obbligo è sconosciuto
    LA NORMATIVA. Nel regolamento dei plateatici è previsto che i prodotti dei locali pubblici siano presentati in almeno tre lingue, ma nessuno lo sa. La disposizione risale al 2005. Molti bar e ristoranti del centro hanno solo la versione in inglese «Nessuno ci ha mai avvisati»
  • Vicenza, lo scafista killer ha fatto perdere le tracce
    Per la questura persone come il nigeriano «vanno allontanate dalla città»: ordinato il rintraccio   Ma dopo l'ultimo controllo  l'africano non si trova
  • Tir trancia i cavi elettrici Linea ferroviaria sospesa
  • Colpaccio Vicenza Pazienza ha firmato
  • Real Vicenza, corsa finita Rinuncia alla Lega Pro
  • Comune di Valdagno re delle destinazioni 5X1000
  • Panda contro camion Grave un 19enne
  • Parità di genere, è polemica Fedeli contestata a Vicenza
  • Troppe nutrie sugli argini Il sindaco: «Potete sparare»
  • Schianto mortale il guidatore aveva bevuto
    Inchiesta per omicidio colposo a carico dell'automobilista  Il pm ha disposto l'autopsia  sul corpo dellla vittima di 37 anni
  • «Le figlie fecero uccidere la madre»
    Alessandra Cusin condannata all'ergastolo è in attesa della Cassazione. Un preside leoniceno  all'epoca fu arrestato e prosciolto
  • Il condominio: Ultime

  • Custodi e portieri in condominio: niente servizi extra
    di Lucia Izzo - Capita assai frequentemente che il custode o portiere del condominio sia destinatario di una serie di richieste, di varia natura, avanzate dai condomini come, ad esempio, rendersi disponibi...
  • Nel giudizio con interessi contrapposti al condominio, il condomino non paga le spese
    Avv. Paolo Accoti - Nel giudizio tra il condominio ed il singolo condomino nel quale vi sono interessi evidentemente contrapposti, le spese pro quota relative al compenso del difensore nominato dal condominio, non possono gravare anche s...
  • Condominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzato
    Avv. Paolo Accoti - Con la riforma del condominio (L. 220/2012), il legislatore, riformulando l`art. 1124 Cc, ha fugato qualsiasi dubbio - pure in precedenza sollevato - su chi deve contribuire alle spese di manutenzione dell`ascensore.<...
  • Condominio: sì alla costruzione in aderenza anche se si tratta di addizione di opera preesistente
    di Valeria Zeppilli – La sola circostanza che un manufatto costituisca addizione di un fabbricato preesistente, per la Corte di cassazione, non è una ragione idonea a negare la possibilità di costruire tale manufatto in aderenza al fabbri...
  • Lavori di ristrutturazione in condominio: detrazioni fiscali a rischio in assenza del durc dell`impresa
    Avv. Michele Orefice - I lavori di ristrutturazione eseguiti sulle parti comuni del fabbricato condominiale permettono ai condòmini di detrarre dall`imposta sul reddito delle persone fisiche, c.d. Irpef, una percentuale delle relat...
  • Condominio: inapplicabile il principio dell`apparenza del diritto in favore del terzo creditore
    Avv. Paolo Accoti - Appare pacifico, siccome più volte affermato in giurisprudenza, che per quanto concerne le azioni giudiziarie poste in essere dall`amministratore per la riscossione dei contributi condominiali, legittimati passivi ris...
  • La presenza nel condominio in orari non lavorativi non dimostra il contratto di portierato
    Avv. Paolo Accoti - Il Contratto Collettivo Nazionale dei Portieri e Custodi, distingue le diverse figure professionali del custode, del portiere e dell`addetto alle pulizie dello stabile in condominio, classificandoli in: lavorat...
  • Condominio: i rivestimenti decorativi di fioriere, balconi e parapetti risultano comuni
    Avv. Paolo Accoti - Ai sensi dell`art. 1117 c.c., sono oggetto di proprietà comune, tra le altre, e sempre se il contrario non risulta dal titolo, tutte quelle parti dell`edificio necessarie all`uso comune, come il suolo su cui sorge l`e...
  • Condominio: non si può impedire l`accesso all`androne e al terrazzo
    di Lucia Izzo - Il condomino deve essere messo in condizioni di poter accedere ai beni condominiali ex art. 1117 c.c., ad esempio il terrazzo su cui si trovano le antenne o l`androne dove si trovano i cont...
  • Condominio: niente mediazione per le controversie coi terzi
    di Lucia Izzo - La mediazione non si applica alle controversie con cui il Condominio si contrappone a soggetti terzi. È quanto ...